MENU

K-HOME | KIROLANDIA | KIRI | REGOLAMENTO | CONTATTI  | LA CORRENTE CULTURALE | frida.artes | Kiroalmanacco | Kirosegnaliamo
K-news |Foto | Racconti | Poesie | Disegni/Pitture | Video | Cinema | Libri | Costume e Società | Scienza e Natura | Palcoscenico | Musica | Arte

giovedì 18 dicembre 2014

"NON PER VANTARMI MA AVEVO CAPITO TUTTO..." Pier Paolo Pasolini arriva allo Studio Uno

autore: Andrea Alessio Cavarretta (IppoKiro)  
K-news




La corsa di “NON PER VANTARMI MA AVEVO CAPITO TUTTO... un uomo avanti”, spettacolo su Pier Paolo Pasolini di Massimo Mirani e Daria Veronese prosegue senza sosta, ed alimentando ad ogni replica il suo grande successo sia di pubblico che di critica approda in un altro teatro eccellente della Capitale, lo STUDIO UNO.

Stasera, Giovedì 18 Dicembre 2014, la prima e poi a seguire le altre date sino a Domenica 21 Dicembre 2014.
Così dopo il Teatro Millelire che lo ha tenuto a battesimo nel 2013, il palco del Fringe Festival di Roma 2014, dove è stato semifinalista tra tantissimi spettacoli proposti, ed  il Duse di Roma lo scorso Ottobre, adesso prima dell’inzio delle feste natalizie la pièce giunge allo Studio Uno.
Sta così  per aprirsi nel teatro della zona Casilina, un fine settimana che parla di uno dei grandi poeti del nostro ‘900 a cui sono state dedicati tanti pensieri, riflessioni, commenti di vario genere, natura e sensibilità ed a cui si va ad aggiungere con fierezza anche questo bello spettacolo.  

Applauditissimo per il suo contenuto di spessore, testo armonico scritto a quattro mani da Massimo Mirani e Daria Veronese, elegante nei passaggi ma al contempo pieno di energia e potenza, accompagnato dalla bella, e forte recitazione di Massimo Mirani, unico interprete presente con vari personaggi, costruito anche attraverso gli interessanti passaggi video di Massimo Sugoni e le musiche di Aurelio Rizzuti, l’atto unico è sorretto, armonizzato, condotto dalla capace, salda, sempre raffinata e pulita regia di Daria Veronese.

“NON PER VANTARMI MA AVEVO CAPITO TUTTO... un uomo avanti”, narra la vicenda umana ed interiore di un personaggio complesso, attraverso la profondità delle sue considerazioni interiori, delle sue esperienze, delle sue varie identità anche in contraddizione tra loro. Si alternano sul palco vari punti di vista sino a trovare forse un'unica convergenza nel momento più brutale dell’esistenza dell’uomo ed artista Pier Paolo Pasolini, la sua scomparsa, elemento chiave-emblematico dello spettacolo.

Nel dinamico staff che porta avanti la pièce presenze fisse sono l’addetto stampa Rocchina Ceglia e Kirolandia corrente culturale come Media partner. 


In Kirolandia trovi: 




Se consideri questo post interessante scrivi un commento!!!

lunedì 15 dicembre 2014

KIROSEGNALIAMO 15-21 Dicembre 2014


Kirosegnaliamo





Kiri, continuano le segnalazioni in Kirolandia blog di cooperazione dell'omonima corrente culturale.
Per voi, di settimana in settimana, alcuni suggerimenti, piccoli e grandi, sia In che Off, selezionati sulla base delle vostre importanti indicazioni, in pieno kirostile, qualità libera da tutto e da tutti!!!


in PALCOSCENICO

DEBUTTO
“BILLIE LA FRIVOLA” di Rosi Giordano
TEATRO DUE ROMA teatro stabile d'essai - Roma - da Martedi 16 a Domenica 21 Dicembre 2014 -  ore 21.00_dom ore 18.00
A chiudere il lancio della stagione 2014-2015 del Teatro Due Roma, ci sarà Billie la frivola, uno speciale omaggio a un’artista. A una donna. Alla storia del jazz. Lo spettacolo tratteggia la figura indelebile della musica blues e jazz, la selvaggia fanciulla del quartiere nero di Baltimora, spirito libero e ingenuo, dolce e geniale. Billie Holiday. Un pianista, due attrici e una cantante, attraverso la loro singolarità, intrecciano uno scambio espressivo tra dramma e ironia, gioco e intensità per ricordare la sua unicità senza emulazioni.
Dal vivo musica, canto e parola si intrecciano creando una texture espressiva variegata attraverso i ritmi, le sonorità e le canzoni del repertorio della Holiday, mentre i momenti di vita, tratteggiati in maniera ideale e reale al contempo, parlano di lei, della sua esistenza disperata fatta di abusi, solitudine, violenza, droghe, discriminazione. Emergono il rapporto con la madre e il padre, con gli amici, con il pubblico e la via d’uscita del canto. Un percorso artistico e umano, oscillando tra l'ironia e il dramma, il gioco e l'intensità. Emerge di lei, Lady Day, la capacità unica di affrontare ogni cosa sdrammatizzando, con “magica frivolezza”. Lo spazio, sintetico ed essenziale, sfonda le barriere spazio-temporali, grazie all’uso di videoproiezioni di immagini e filmati d’epoca, che ci immergono nell’America, dagli anni ’30 alle soglie degli anni ’60,  in quella stessa nazione che l’ha accolta e rifiutata, denigrata ed esaltata come simbolo del riscatto della donna e del popolo nero nonostante le umiliazioni e limitazioni che subì nel suo percorso professionale.
Ass. Macroritmi e Stilnovo_Regia di Rosi Giordano -  Interpreti: Manuela Boccanera, Germana Flamini, Michela Lombardi –Pianista: Riccardo Fassi Musiche: Billie Holiday e Riccardo Fassi-Filmati d'epoca ed editing video a cura di Massimiliano Michetti-Fonica-Illuminotecnica:Fabrizio Murgante-Produzione:Vincenzo La Gioia

domenica 14 dicembre 2014

KIROBRINDISI di NATALE Venerdi 19 Dicembre 2014



KIROBRINDISI di NATALE
Kirosalotto Semintellettuale dei Kiri

JET LAG 64 CAFE’
Venerdi 19 Dicembre 2014, ore 20.30

Finalmente arriva il Natale ed i Kiri di KIROLANDIA corrente culturale si ritrovano per il consueto KIROBRINDISI di NATALE - Kirosalotto Semintellettuale dei Kiri, presso il JET LAG 64 CAFE’ aka Kirotana ufficiale, Venerdi 19 Dicembre 2014 alle 20.30... incontro gioioso e sorridente quanto informale per salutarsi prima delle abbuffate...

Colore dominante il ROSSO
Metti qualcosa di questo colore e un tenue fil rouge ci unirà tutti, anche un paio d’orecchini, una cravatta, un puntino disegnato sul naso...
  La KIROTOMBOLA
Poi tutti a giocare... Un giro di tombola con premi rigorosamente in cicchetti e bevute varie, rinvestendo subito il cucuzzaro!!!
 Piccola KIROMOSTRA di foto che evocano la stagione invernale
Federica Flavoni (MayaKira) e Rossella Maffeo (VirusKira) organizzano un’esposizione informale con una piccola KIROASTA con tanto di Kirobanditore.
Il ricavato andrà tutto in beneficenza ad un’associazione che sarà designata la sera stessa ed il bollettino compilato al momento!
Sei un fotografo? Vuoi partecipare?  Mettiti in contatto con noi, la stampa della foto richiesta e su semplice carta fotografica formato 20x30 per capirci formato A4. Appenderemo anche la tua foto sul filo rosso...
  KiroOspite? Il poeta Fabio Chiarini
In anteprima assoluta per Kirolandia il suo nuovo libro di poesie "Pensieri dal tramonto all'alba"
  Ma che Festa è il Natale?
Annalisa Laghi (XizKira) e Lucia Paolantonio  (RadioKira) ci raccontano con pochi cenni simpatici il Natale cos’è e cosa si mangia...
Qualcosa sul Natale ve lo legge Andrea Alessio Cavarretta (IppoKiro)
 Immancabile, egocentrico, ostinato, diventato AcciuKiro... pieno di energia e voce!!!
 KIROBRINDISI finale!!!

giovedì 11 dicembre 2014

SAKKETI IN RIVOLTA Antonio Diana firma un grande successo


Recensione critica dello spettacolo teatrale musicale SAKKETTI IN RIVOLTA  scritto e diretto da  Antonio Diana
Replica del 6 Dicembre duemilaquattordici, Teatro Millelire – Roma

Arriva un successo a teatro, SAKKETTI IN RIVOLTA, spettacolo immaginifico, spensierato quanto corposo in contenuto.

Dall’inizio dell’anno al Millelire di Roma è stato un susseguirsi di bei lavori ed anche questa volta un’esibizione  eccellente, crocevia concettuale di molteplici strutture teatrali ben interconesse le une alle altre, “SAKKETTI IN RIVOLTA balle ed eco balle... dalla terra dei fuochi” di Antonio Diana. L’atto unico proposto in quest’occasione dal prolifico drammaturgo, regista, attore è una favola ma anche fiaba contemporanea dal sapore esopico e fedriano,  una pièce didascalica sia per piccoli che per grandi da rieducare, con continue infiltrazioni dal delicato ed evocante cantato a mo’ di commedia musicale con tendenze più plateali verso il musical dal grande respiro. Ironico e tagliente, profondo e coinvolgente senza stordimenti eccessivi, lo spettacolo sa farsi gustare sino all’ultima riflessione profonda, contraddistinto da ripetuti applausi a scena aperta, va giù per un’ora e più sino ad arrivare al suo limitare con l’emotivo coinvolgimento di tutto il pubblico.

martedì 9 dicembre 2014

KIROSEGNALIAMO 9-14 Dicembre 2014

Kirosegnaliamo





Kiri, continuano le segnalazioni in Kirolandia blog di cooperazione dell'omonima corrente culturale.
Per voi, di settimana in settimana, alcuni suggerimenti, piccoli e grandi, sia In che Off, selezionati sulla base delle vostre importanti indicazioni, in pieno kirostile, qualità libera da tutto e da tutti!!!


in PALCOSCENICO

DEBUTTO
“NARRATIVA MAGICA” di Francesco Micheloni
TEATRO MILLELIRE  - Roma – da Martedi 9 a Domenica 14 Dicembre , ore 21.00_dom ore 18.00
La magia sale sul palco del Teatro Millelire. Per la prima volta, dopo tre anni dalla nascita, arriva nel teatro del quartiere Prati di Roma,  uno spettacolo totalmente dedicato ai giochi di prestigio e all'illusione. Narrativa Magica, scritto diretto e interpretato da Francesco Micheloni, un giovanissimo artista di Pistoia.
Lo spettacolo è un excursus magico di circa un’ora, durante il quale l'artista accompagnerà per mano il suo pubblico a scoprire il meraviglioso mondo dello stupore, dalla magia classica a quella mentale più moderna, fino a raccontare vere e proprie storie: storie d’amore e di vita quotidiana, dolore e redenzione, di sorrisi e di emozione. Forti sensazioni, dunque. Tutto grazie alla magia
Autore, regista ed interprete: Francesco Micheloni

DEBUTTO
GROPPI D'AMORE NELLA SCURAGLIAdi Tiziano Scarpa
TEATRO KOPO’  - Roma – da Giovedi 11 a Domenica 14 Dicembre 2014, ore 21.00_dom ore 17.45
Dopo aver vinto il Premio come Miglior Attore al Roma Fringe Festival, Silvio Barbiero torna a Roma con Groppi d'amore nella scuraglia di Tiziano Scarpa al Teatro Kopó.
Il testo di Scarpa è un racconto in versi che, attraverso una lingua inventata che richiama i dialetti del centro-sud, descrive un percorso di rinascita e, in qualche modo, di redenzione. Il linguaggio poetico di Scarpa deforma il nostro immaginario e i corpi dei protagonisti divengono archetipi grotteschi di un mondo in sfacelo; immagini che richiamano l'immaginario di Bosch raccontando la storia di Scatorchio e del suo amore per Sirocchia in un paese sommerso dai rifiuti.
Pochi elementi in scena per rappresentare una storia ricca di elementi narrativi che non manca mai di sorprendere per l'originalità delle soluzioni messe in atto. Lo spettatore si trova così immerso in un mondo composto da suoni antichi ma pur sempre riconoscibili, da immagini, musiche che richiamano un mondo naif tracciato con pennellate severe e marcate.
Carichi Sospesi_ Autore:Tiziano Scarpa- Ragista: Marco Caldiron-Interprete: Silvio Barbiero-Scene:Paolo Bandiera-Costumi: Anna Cavaliere-Foto di scena: Fabrizio Caperchi-Musiche: Sergio Marchesini e Debora Petrina
www.teatrokopo.it

martedì 2 dicembre 2014

MANUKIRA avatar

autore: Giovanni Palmieri (PutzoKiro)
Kiroavatar


Tra il verde, il cielo ed il mare,
tra colori, accesi splendidi e splendenti,
animali suadenti e divertenti,
gattoni simpatici e soprattutto miagolosi
all'insù ed anche all'ingiù
stretti intorno a
vortici e rivortici di allegria...


Su tele dipinte con pennelli intrisi di gioia 
stese e ristese tra pensieri sognanti
e ancora e ancora di più 
di quello che si possa pensare
col cuore e il sorriso ed ancora più
arriva 
l'avatar di ManuKira!!! 


Ti potrebbe interessare 



Se consideri questo post interessante scrivi un commento e/o clicca mi piace!!!    


lunedì 1 dicembre 2014

KIROSEGNALIAMO 1-7 Dicembre 2014

Kirosegnaliamo





Kiri, continuano le segnalazioni in Kirolandia blog di cooperazione dell'omonima corrente culturale.
Per voi, di settimana in settimana, alcuni suggerimenti, piccoli e grandi, sia In che Off, selezionati sulla base delle vostre importanti indicazioni, in pieno kirostile, qualità libera da tutto e da tutti!!!


in PALCOSCENICO

DEBUTTO
“MEDITERRANEO” di Miguel Ángel Berna
con Compañía Española de Danza
TEATRO OLIMPICO - Roma - da Martedi 2 a Domenica 7  Dicembre 2014 - ore 21.00, dom ore 18.00
Le Figaro di Parigi lo ha soprannominato ‘il Paganini delle nacchere’.
Miguel Ángel Berna è uno dei più grandi ballerini della Spagna di oggi. La sua danza di passione è innovativa ma affonda le radici nel fascino antico ed elegante della jota e del fandango.
Spagnolo di Saragozza, il carismatico virtuoso di jota, straordinario coreografo e creatore di spettacoli di respiro internazionale, sembra racchiudere personalità differenti in un solo corpo mentre sottolinea i movimenti rapidi con la tecnica unica con cui suona le nacchere. L’altissimo livello di preparazione si fonde con la sua naturale e travolgente carica passionale sotto il segno della contaminazione e della mescolanza.
Berna torna in Italia dopo il successo nel 2012 ospite della stagione dell’Accademia Filarmonica Romana al Teatro Olimpico, con il suo nuovo spettacolo Mediterraneo che racchiude ritmi, melodie, temi di diverse culture: dall’Albania ad Aragona, dalla Tunisia alla Puglia e la Sicilia. Ecco dunque avvicendarsi il ritmo impetuoso della pizzica e della tarantella del sud Italia, l’armonia intrigante della danza popolare greca, il fascino elegante della jota aragonese.
In un’armonia travolgente e seducente, Berna, la sua Compañía Española de Danza, e l’ensemble strumentale e vocale, invitano il pubblico in un viaggio appassionato tra i balli e le voci di quelle terre che abbracciano il Mare Nostrum.
CENTRO ARAGONÈS DE DANZA e ACCADEMIA FILARMONICA ROMANA _Coreografo ed interprete: Miguel Ángel Berna con Compañía Española de Danza- Musiche eseguite dal vivo da un gruppo di sei strumentisti e due vociCostumi: Marìa José Mora

giovedì 27 novembre 2014

MANUKIRA Manuela Vitali

autore: Andrea Alessio Cavarretta (IppoKiro) solo in parte 

KIROLANDIA corrente culturale è un mondo, un movimento fatto di parole, di pensieri, di sensazioni, di colori vivaci.
S'arricchisce ogni giorno dell'amore di chi decide di diventare un Kiro, si nutre della passione di chi collabora con il cuore, di chi con altruismo dona un frammento del suo tempo, del suo essere libero tra i suoi semplici ma intensi sogni ... 

E così finalmente ora, una pittrice che è vicina a noi, che noi teniamo stretta ed amiamo per la sua immensa dolcezza e capacità di regalare il suo mondo interiore senza mai sottrarsi... e che sa fare con i pennelli qualcosa di straordinario, immortalando energia e passione,  dopo aver lavorato in fridaartes sezione artistica entra nello staff del nostro blog di cooperazione con le sue immaginifiche creazioni ...
Cascate del Reno a Schaffhausen

Manuela Vitali aka ManuKira

rubrica

Vortici e Colori 

Lei stessa s'introduce così: 

"La mia è una biografia semplice ...
Mi chiamo Manuela Vitali e sono nata in Svizzera a Schaffhausen il 20/11/68.
A 12 anni sono venuta a malincuore in Italia per volere dei miei genitori. L'infanzia trascorsa tra quei colori forti ed intensi mi ha influenzata notevolmente e le mie grandi passioni sono tutte nate quasi tutte lì, come il mio grande legame con la terra e la natura... 
... poi qui ho imparato ad esprimermi, a fare uscire il mondo che ho dentro...
Ciò che faccio ora è: dipingere.
Amo i colori e le cose genuine e semplici, ma sopra ogni cosa amo l'umiltà.
Dipingo la mia fantasia e il mio mondo personale che è sempre fatto di cose immaginarie..."

- Manuela Vitali -

L'immagine a corredo è una foto delle Cascate del Reno a Schaffhausen.

 Se consideri questo post interessante scrivi un commento e/o clicca mi piace!!!    

martedì 25 novembre 2014

COUPLES nella stessa stanza due assurdi rapporti di coppia


Recensione critica dello spettacolo teatrale COUPLES regia di Giuseppe Oppedisano
ASHES TO ASHES di H. Pinter-THE DATE di G. Oppedisano
Prima replica, diciotto Novembre duemilaquattordici, Teatro Tordinona –Roma


Non c’è nulla di più tragico che la solitudine nello stare insieme.

COUPLES diretto da Giuseppe Oppedisano è un spettacolo doppio, una sperimentazione teatrale di unione concettuale tra due atti unici fusi da un’idea, da un filo conduttore evidente ed al contempo resi saldi da sottili minimi sotterranei collegamenti che s’insinuano silenziosi tra le parole e le situazioni rappresentate insieme ed assemblate anche da densi e continui sottintesi.

Così si susseguono nella stessa stanza due dialoghi tenuti assieme da una regia secondo uno sviluppo a fluire armonico, così entrano ed escono il lui e la lei di ASHES TO ASHES di Harold Pinter e poi l’altro e l’altra di THE DATE scritto dallo stesso regista dell’intero spettacolo, Giuseppe Oppedisano.

ULTIMI KIRO-COMMENTI